In occasione della presentazione di "Perchè dobbiamo dirci cristiani" presso il Teatro Titano alle ore 21,00 con Mons. Luigi Negri e il prof. Sergio Belardinelli (docente di sociologia dei processi culturali presso l'Università di Bologna), il sen. Pera incontra i Capitani Reggenti S.E. Ernesto Benedettini e S.E. Assunta Meloni, il Segretario di Stato agli Affari Esteri on. Antonella Mularoni e il Segretario di Stato all' Istruzione e Cultura on. Romeo Morri.

da San Marino.com

In questo momento di grandi e drammatiche tensioni economiche, etiche ed antropologiche, l'uscita del nuovo libro del sen. Marcello Pera si inserisce con impressionante autorevolezza. Per questo l'incontro di presentazione del libro che si terrà lunedi' 16 febbraio 2009, alle ore 21 presso il Teatro Titano a San Marino Città, organizzato

dalla Fondazione Internazionale Giovanni Paolo II e a cui parteciperanno il sen. Marcello Pera e il prof. Sergio Belardinelli (docente di sociologia dei processi culturali presso l'Università di Bologna), cade quanto mai opportuno quale occasione per poter approfondire temi che sono non solo attuali, ma urgenti e inderogabili. Le conclusioni saranno affidate a mons. Luigi Negri, vescovo di San Marino e Montefeltro e presidente della Fondazione. L'incontro porta il titolo del testo scritto da Marcello Pera ed edito da Mondadori, "Perchè dobbiamo dirci cristiani. Il liberalismo, l'Europa l'etica".In particolare ci si interrogherà sui destini della nostra società laica e democratica, mettendo a fuoco il senso stesso dell'esser occidentali, in un'Europa che pare vivere una grande apostasia del cristianesimo.
Marcello Pera, da laico, guarda al cristianesimo come alla fonte della laicità di cui vive, e sviluppa nel testo una critica serrata a tutta una serie di equazioni che hanno allontanato due mondi che devono assolutamente incontrarsi di nuovo, pena la dissoluzione della nostra identità occidentale.
Non è un caso che il testo sia stato già letto ed apprezzato dal pontefice Benedetto XVI, con cui il senatore ha intrapreso da anni un dialogo serrato e proficuo, in nome della ricerca delle fondamenta della nostra civiltà. Il sen. Pera, grato della testimonianza del papa, rintraccia la strada per l'affermazione di una vera laicità, proprio nel percepirsi quali eredi di quella tradizione cristiana, fatta di valori e principi di valore universale, che oggi tanti stanno colpevolmente dimenticando. Come egli stesso dice "la mia posizione è quella del laico e liberale che si rivolge al cristianesimo per chiedergli le ragioni della speranza."


Il Senatore Marcello Pera ricevuto dai Capitani Reggenti di San Marino
[San Marino] CULTURA - Oggi gli Ecc.mi Capitani Reggenti Ernesto Benedettini ed Assunta Meloni hanno ricevuto il Senatore Marcello Pera, che questa sera presentera' nel Teatro Titano di San Marino il suo libro "Perchè dobbiamo dirci cristiani" con accanto Mons. Luigi Negri, Vescovo di San Marino Montefeltro.
" Il Segretario di Stato per l'Istruzione e la Cultura, Romeo Morri, ha ricevuto oggi in visita a Palazzo Maggi l'Onorevole Marcello Pera, Senatore della Repubblica Italiana e Presidente del Senato dal 2001 al 2006. Si è trattato di un "incontro di cortesia molto piacevole", in occasione della presentazione del nuovo libro dell'onorevole, "Perchè dobbiamo dirci cristiani, il liberalismo, l'Europa etica", ha commentato il Segretario di Stato. Un'occasione, ha aggiunto, per ribadire i rapporti di buona amicizia tra i due Paesi, che sfoceranno in progetti comuni anche nel campo della cultura. L'Onorevole Pera, nella sua giornata sammarinese, era stato in precedenza ricevuto dagli Eccellentissimi Capitani Reggenti, Ernesto Benedettini e Assunta Meloni, e, successivamente, dal Segretario di Stato per gli Affari Esteri, Antonella Mularoni. La sua visita sul Titano si conclude in serata con un incontro pubblico al Teatro Titano." (comunicato)