Stampa

24 Aprile 2012

Non sovrapporre la battaglia politica alla conduzione delle istituzioni. Lo ha sottolineato l'ex presidente del Senato, Marcello Pera, nel dibattito sulla richiesta di dimissioni, sollevata da Idv e Pd nell'aula palazzo Madama, nei riguardi della vice presidente Rosi Mauro. "Le questioni politiche -ha esordito il senatore del Pdl - non sono questioni istitituzionali. Se questo principio fosse stato tenuto in considerazione, questo dibattito oggi non avrebbe nemmeno dovuto iniziare". 

Del resto, ha osservato ancora Pera, anche Gianfranco Fini si è trovato nella stessa situazione e non si e' dimesso. "Quando alla Camera è stato chiesto a un presidente espulso dal proprio partito di lasciare il proprio incarico -ha ricordato Pera riferendosi a Fini e al suo allontanamento dal Pdl- il presidente in questione, giustamente, ha risposto che non ci pensava proprio, che il dibattito non si poteva, nè doveva fare. Poi e' suonata la campanella e la cosa è finita li'". 

"Rimango stupito da come si conduce la lotta politica anche se dovrei esserci abituato. Mi stupisco dell'atteggiamento assunto dai suoi ex colleghi di partito - ha concluso il senatore del Pdl - che facciano finta di non conoscerla. Ma questo riguarda il dibattito all'interno di un partito. La lotta politica è aspra e questo lo so bene. Lei, come ha correttamente detto Schifani, non e' sfiduciabile. Non si puo' trasferire la lotta politica all'integrità delle istituzioni".

Comunicati stampa
Visite: 530