17 Aprile 2010

Il presidente maltese George Abela, ricevendo all'aeroporto internazionale di Luqa papa Benedetto XVI, ha voluto citare un filosofo laico caro al pontefice: Marcello Pera. Citando un suo recente articolo sul Corriere della Sera, Abela ha parlato di una ''guerra'' in corso oggi in Europa fra ''il laicismo e il cristianesimo''; una guerra, ha aggiunto sempre citando dall'ex-presidente del Senato, in cui, come al tempo del comunismo e del nazismo, ''cio' che si vuole  la distruzione della religione. Allora l'Europa pago' a questa furia distruttrice il prezzo della propria libertà... la stessa democrazia sarebbe perduta se il cristianesimo venisse ancora cancellato''. Nel suo discorso, il presidente maltese ha criticato il ''modello laicista'' che relega la religione nel ''dominio privato''. Malta, ha aggiunto, anche se e' entrata nell'Unione Europea, si trova oggi ad affrontare ''come il resto d'Europa e del mondo occidentale, un conflitto tra il cristianesimo da una parte e il laicismo o secolarismo dall'altro''. (asca)