5 Marzo 2010

MIELI, QUELLI CHE OGGI SI DICONO EREDI ERANO CONTRO DI LUI 
(ANSA) - LUCCA, 5 MAR - Si sono aperte contemporaneamente a Lucca e a Torino le celebrazioni del centenario della nascita di Mario Pannunzio, con la presentazione di un francobollo commemorativo del grande giornalista e relativo annullo filatelico e l'apposizione di una targa sulla casa natale in via Cenami. Ad aprire la tavola rotonda su 'La lezione di Pannunzio' l'assessore comunale ai musei e biblioteche, Donatella Buonriposi, che ha letto un messaggio di Pier Franco Quaglieni, presidente del Comitato delle celebrazioni. Alla tavola rotonda sono intervenuti tra gli altri il senatore Marcello Pera e Paolo Mieli. Il senatore Pera ha ricordato la figura di Pannunzio come ''laica e liberale che si rifaceva a Einaudi'', mentre Paolo Mieli lo ha indicato come il giornalista piu' importante del dopoguerra e ha sottolineato che ''ripercorrendo la biografia di Pannunzio si scoprirebbe cone quelli che oggi si dicono suoi eredi spesso erano contro di lui e nessuno vuole riconoscere i propri torti''.