21 Gennaio 2013

Lascio la politica, la rivoluzione liberale ha fallito...

Visualizza intervista...

7 Luglio 2012

La Costituente per "dare la parola ai giovani". Per evitare che l'Italia unita sparisca, ingoiata dalla combinazione tra crisi finanziaria, crisi dei partiti e crisi istituzionale.

Visualizza articolo...

29 Giugno 2012

Nel 2013 solo 75 saggi indipendenti possono cambiare la Carta.

Visualizza articolo...

21 Giugno 2012
Pera: grave non votare e non opporsi all'arresto.

 Visualizza articolo...

 

23 Maggio 2012

La rivoluzione liberale mancata ha perduto il centrodestra. O si cambia o vince Grillo. 

Visualizza articolo...

 

27 Giugno 2010

Pera: "Silvio, un uomo solo  Non e' Reagan ne' Thatcher" 

"Tutti vogliono piu' Stato, sono di sinistra anche quando votano a destra"


di ANTONELLA RAMPINO 

Non bisogna piangere ma comprendere, cioe' farsi una ragione. Lo diceva Spinoza, e vale anche per Berlusconi. La mancata rivoluzione liberale, dal '94 ad oggi, credo di ragioni ne abbia almeno tre, mescolate assieme e pressochè insormontabili". Non e' lusinghiero il giudizio che del berlusconismo da' oggi Marcello Pera, epistemologo e gia' presidente del Senato. "Quella del '94-'96, se mai e' stata una vera occasione, e' stata perduta. La raccolsero in pochi e isolati, senza forza e anche (mea maxima culpa) un bel po' ideologici. I cosiddetti "professori" scomparvero ben presto, e tra i pochi imprenditori che la pensavano come loro, Antonio D'Amato fu fatto fuori proprio dal governo e dai suoi colleghi".